Scricchiolii. Quale attenzione ai disabili? O lasciamo ogni responsabilità alle famiglie?

Primavera-estate 2012. L’associazione “Più di un sogno” e l’istituto alberghiero “Berti” presentano il progetto: ristorante, albergo e campeggio a corte Molon, gestiti in larga parte da disabili e down.

Di mezzo ci sono le elezioni comunali.

La nuova Giunte destina tutta l’area a “Centro ippico sociale”: un maneggio.

L’ex assessore ai Servizi sociali Stefano Bertacco, che aveva coinvolto l’associazione “Più di un sogno” nella valorizzazione di corte Molon, chiede a “una città silente, quasi cortigiana di un sistema che in questi anni con tanta furbizia e bravura Flavio Tosi è riuscito a creare”, che gli spazi siano condivisi dai due progetti.

Delibera di Giunta (12 giugno): l’intera corte è del maneggio. Le associazioni che hanno in concessione quegli spazi stabiliranno di condividerli o meno. Quanto al progetto del polo turistico-ricettivo gestito da down e disabili è “un’eventualità non accordabile con l’impostazione valutata positivamente dall’Amministrazione comunale”. Perciò non possono coesistere il centro ippico sociale e l’albergo/campeggio/ristorante gestito da disabili e down.

– Marco Ottocento di “Più di un sogno”: “Il nostro progetto è sostenibile. Sarebbero servite risorse iniziali per ristrutturare corte Molon, ma poi tutto si sarebbe sostenuto con le sue gambe. L’esigenza di un luogo formativo in ambito ristorazione per persone disabili è molto sentito: l’alberghiero ha un 10% di ragazzi certificati, che faticano a trovare un impiego. Sottoporremo all’Amministrazione l’idea; se piacerà, chiederemo di individuare un sito alternativo. Corte Molon era l’ideale”.

– Assessore al Sociale Leso: “Li aspetto”.

– Il Centro ippico si sente preso in giro: aveva presentato il progetto a Bertacco. “I ragazzi down non meritavano di essere usati a 20 giorni dalle elezioni”.

– Assessore Giacino: “Solo una parte di Corte Molon sarà concessa al gruppo ippico. Circa l’altro progetto si sottovaluta il problema della ristrutturazione di Corte Molon”. Il Comune non ha i due milioni che servono. Ristrutturare è indispensabile per il progetto down; l’ippoterapia utilizzerà in buona parte spazi esterni. Ci saranno costruzioni, per cui il progetto sarà in Consiglio comunale visto che il parco dell’Adige è zona vincolata. Giacino: “Cerchiamo chi gestisca la corte e si prenda l’onere di ristrutturarla. Invitiamo i proponenti del progetto down a riformularlo”.

– Alberto Bozza, ex presidente della seconda Circoscrizione: “Occorrevano comunicazione e coinvolgimento tra la Giunta precedente e le associazioni interessate. Ora ci sono persone che ci stanno mettendo anima e corpo per realizzare un progetto accarezzato da anni e, dall’altra parte, ci sono persone deluse. E’ triste mettano in atto battaglie antagoniste su progetti sociali”.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Riflessioni, Verona che non cambia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...