Scricchiolii. Di quanti dirigenti e vice dirigenti ha bisogno il Comune di Verona?

Sono aumentati o diminuiti con l’Amministrazione Tosi?

Lettera anonima in Comune, su un presunto numero eccessivo  (174) di sub-dirigenti, a fronte di 56 dirigenti. La loro posizione determina un aumento dello stipendio dai 5.200 ai 16.000 euro l’anno, con fasce intermedie, a seconda delle responsabilità e del carico di mansioni.

– Assessore al Personale Enrico Toffali: “Gli uffici esamineranno la denuncia ai primi di ottobre”.

– Direttore generale Renato Piccoli: “Il riconoscimento (un premio di produttività), concordato con i sindacati, è legato a una attività; non è detto che continui negli anni. Non si tratta di benefit corposi: gli stipendi non superano i 1500 euro netti al mese, per 13 mensilità”.

Non ne conseguono variazioni per le casse comunali: il “di più”, attinto dal fondo Risorse fisse (7 milioni all’anno), destina alle posizioni al massimo 1.800.000 euro.

– Daniele Polato (PdL): “Il Consiglio vari linee guida per le verifiche, altrimenti cambierà poco”.

Il dubbio è che mansioni di responsabilità siano assegnate con metodo clientelare.

I sindacati criticano l’anonimato del volantino, ma chiedono chiarezza.

– CISL. Massimo Castellani: “Verificare è corretto. Le mansioni vanno riconsiderate una per una”.

Franco Antolini, Funzione pubblica: “La questione scatena tensioni tra i dipendenti di pari esperienza: alcuni ricevono il premio, altri no. Si può discutere sull’utilità di una mansione o sull’opportunità di assegnarla all’uno o all’altro. Esiste un tetto preciso di 1,8 milioni per questa voce di spesa. 174 posizioni organizzative possono sembrare tante; non intaccano però il premio di produzione alla generalità dei dipendenti. La vera anomalia è l’elevato numero dei dirigenti. Il Comune deve spiegare perché sono così tanti e come ridurli: questo è il problema vero”.

– CGIL. Michele Corso: “Chi viene pagato per svolgere determinate mansioni fa un’attività gravosa e necessaria. Se emergesse che alcuni dipendenti hanno ottenuto una sorta di regalo, allora viva il volantino”.

I  dipendenti comunali sono 2.270 a tempo indeterminato e un centinaio a tempo determinato, con varie tipologie contrattuali.

Nota di Tito Brunelli.

Semplici domande, in attesa di risposta.

– L’Assessore al Personale ha bisogno di fare una indagine per sapere quanti e chi sono i dipendenti con posizioni di rilievo?

– E’ così difficile decidere i settori d’attività del Comune e, di conseguenza il numero dei dirigenti (uno per settore) e gli eventuali collaboratori con posizione rilevante (pochi)?

– Il vero problema è altro: secondo quali criteri si affidano i ruolo di responsabilità? In base alle qualità personali, all’impegno e alla capacità di rapportarsi con gli altri o in base alla tessera di partito e ai rapporti di sudditanza nei confronti del ‘capo’?

1 Commento

Archiviato in Riflessioni, Verona che non cambia

Una risposta a “Scricchiolii. Di quanti dirigenti e vice dirigenti ha bisogno il Comune di Verona?

  1. Pingback: Verona – Cerca News » Scricchiolii. Di quanti dirigenti e vice dirigenti ha bisogno il Comune di Verona?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...