Archivi del giorno: 14 gennaio 2013

Chi ha portato l’Italia alla rovina, oggi e 20 anni fa, si propone come salvatore

E’ luogo comune scaricare le colpe su chi ha qualche merito e prendersi i meriti quando si hanno responsabilità politiche, anche gravi. Per anni la “nuova” classe politica italiana si e’ scagliata contro la “Prima Repubblica”, rea di aver creato il debito pubblico e di aver portato alla rovina il Paese. Falso. Se si guardano i dati, si scopre che la rovina viene dalla “Seconda Repubblica”, nata sulle ceneri della prima con l’intento dichiarato di rimettere a posto le cose ed i conti dello Stato. Nel 1992, alla fine di 40 anni di governi democristiani che hanno portato l’Italia dalla deflagrazione globale della seconda guerra mondiale ad essere l’ottava potenza del pianeta, il debito pubblico ammontava (valori attuali) a 700 miliardi di euro. Allora c’era un patrimonio pubblico di aziende a partecipazione statale (Ferrovie, Enel, Sip, Poste, etc), valutato in 400 miliardi di euro, che, si diceva, sarebbe servito ad abbattere il debito sovrano. Continua a leggere

Annunci

1 Commento

Archiviato in Riflessioni, Verona che non cambia