Scricchiolii pesanti. Il Comune causa di contrasti tra le categorie economiche

Ottobre 2011. Un fatto di 14 mesi fa pesa nel tempo.

L’Amministrazione Tosi aveva messo in vendita il 24% delle quote della Fiera. Aveva bisogno di incamerare soldi per coprire il debito del bilancio comunale 2011.

La maggioranza della Giunta della Camera di Commercio delibera l’acquisto del 5% delle quote in vendita, per 7.700.000 euro, portando la quota camerale a un totale dell’11,45%. Confcommercio, Coldiretti, Artigiani e il presidente Alessandro Bianchi votano a favore. Vandino Guerra (CNA), Andrea Prando (Casartigiani) e Gianni Della Bernardina (Confindustria) escono per non votare contro. La delibera passa con 6 voti.

Questa scelta segna una rottura e crea scossoni nella politica e negli enti economici.

Negli mesi precedenti l’Amministrazione aveva affidato ad alcune categorie importanti incarichi:

– Paolo Arena rimane presidente di Confcommercio e diventa presidente dell’aeroporto Catullo.

– Ferdinando Albini (Confartigianato) diventa vicepresidente del Consorzio ZAI.

Questi signori, membri del CdA di Camera di Commercio, e le loro organizzazioni non possono deludere le aspettative del Comune, che deve introitare 33,8 milioni per chiudere il bilancio e per altre opere preventivate. Il Comune ne ha bisogno tanto che deve rinviare l’aumento di capitale del Catullo fino all’arrivo di danaro in cassa.

Prando: “Sono in imbarazzo perché il Presidente non è imparziale”. Bianchi ha fatto pesare il suo voto in una riunione tesissima della sua Giunta. La maxi operazione da cui Flavio Tosi conta di ricavare i milioni necessari per sostenere i bilanci del Comune ha avuto un primo effetto: la spaccatura tra categorie economiche della città. Tutti d’accordo che Camera di Commercio debba contare di più in Fiera. Il problema è che i soldi dell’ente, cioè delle aziende, non serviranno a sostenere la Fiera, ma a rimpinguare le casse del Comune. Diverso sarebbe il discorso se Camera di Commercio avesse acquisito quote attraverso un aumento di capitale: in quel caso i soldi sarebbero andati nel fondo di dotazione della Fiera.

Le tensioni tra categorie economiche veronesi erano esplose nel Consorzio ZAI: Albini aveva soffiato all’ultimo la vicepresidenza a Prando, grazie all’appoggio determinante dei consiglieri di nomina comunale. Ora Albini vota a favore dell’acquisto di quote della Fiera, come Paolo Arena

* Un consigliere, sconsolato: “In tanti anni non ho mai visto un comportamento del genere”.

Nota. Il sindaco Tosi le inventa tutte per procurarsi i soldi per coprire il buco di bilancio del Comune, in puro stile assistenzialistico; fatto che come responsabile della Lega Nord combatte energicamente (“No i nostri soldi per Roma e il Sud Italia: sono nostri e debbono restare qui – Paroni a casa nostra. Poi prende i soldi di AGSM, di AGEC, di Camera di Commercio e di tutti gli enti ai quali si può spillare moneta). Non ci sono strategie o avvio di nuove capacità imprenditoriali. L’obiettivo è chiudere il bilancio comunale.

L’acquisto di quote della Fiera da parte di Camera di Commercio, di Cattolica Assicurazioni e di Banca Popolare di Vicenza rafforza il legame di interdipendenza tra questi enti finanziari e il sindaco Tosi, lasciando fuori il Consiglio comunale e i partiti politici, che assistono silenziosi.

In una democrazia seria ogni componente fa la sua storia. Nessun ‘potere’ è a servizio di qualcuno, tanto meno della politica, altrimenti non siamo più in democrazia, ma nel servilismo di fronte al ‘capo’, che decide per tutti.

1 Commento

Archiviato in Riflessioni, Verona che non cambia

Una risposta a “Scricchiolii pesanti. Il Comune causa di contrasti tra le categorie economiche

  1. Pingback: Scricchiolii pesanti. Il Comune causa di contrasti tra le categorie economiche | Verona - Cerca News

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...