AGSM – AMIA. L’affare dell’estate 2012: Timori e proposte delle minoranze

Timori e proposte delle minoranze in Consiglio comunale sull’aggregazione AGSM – AMIA

Partito Democratico:

– sì alla fusione tra AGSM e AMIA e all’azienda unica.

– sì se ci sono risparmi per i cittadini utenti.

– no se l’obiettivo è spremere le aziende partecipate per poi gettarle in pasto ai privati.

– no se restano i due CdA e i direttori multipli, nel qual caso non diminuiscono i costi di gestione e tutto resta invariato, a partire dagli organi direttivi e dai giochi ‘politici’.

– no se l’operazione è stata decisa per consentire ad Andrea Miglioranzi di essere presidente di AMIA (delibera ad personam)

* Indebolire AGSM privandola dei suoi soldi si ripercuote sulle tariffe pagate dai cittadini e altri operatori, non del territorio, potrebbero prendere Verona come terra di conquista, proponendo, come già avviene, contratti favorevoli. Verona rischia di restare fuori da una partita che incide molto sul futuro delle sue famiglie.

Altro timore. Ca’ del Bue è nel mirino della ‘Ndrangheta calabrese? Ci sono aziende sospette tra quelle che hanno vinto l’appalto per realizzare la nuova sezione dell’impianto di incenerimento: in un ramo della padovana Edilbasso, fallita nel 2011, è subentrata la Faber costruzioni srl, che ha acquisito anche lavori per Ca’ del Bue. Tra i suoi soci c’era, col 65%, l’avvocato Giovanni Barone che cedette la sua partecipazione alla famiglia Basso e ad Adriano Cecchi. Barone e Cecchi sono noti per l’indagine sulle infiltrazioni della ‘Ndrangheta nell’impresa Perego strade, inchiesta che ha portato all’arresto di persone accusate di associazione mafiosa.

Proposta Valdegamberi: trasformare il termovalorizzatore (bruciatore di rifiuti per produrre energia) in un centro per trattamento a freddo e riciclo delle immondizie. “La Giunta del Veneto riveda la sua programmazione del trattamento dei rifiuti e la Giunta di Verona si astenga dal sottoscrivere il contratto per il nuovo inceneritore, chiedendo di rinegoziare gli accordi con la ditta appaltatrice. Motivi economici più che ambientali: cioè per non obbligare per 20 anni l’importazione a caro prezzo di rifiuti da fuori Regione, con costi che ricadranno sulle bollette degli ignari veronesi. E’ una pazzia investire ulteriori 130 milioni per far partire Ca’ del Bue, obbligando l’importazione di rifiuti da fuori regione, a costi sempre più alti, per garantirne la sostenibilità economica”.

* L’operazione sarebbe positiva se riducesse gli attuali Consiglieri di amministrazione. I poltronifici invece non vengono toccati. Quindi, conclude Valdegamberi, non vedo elementi di novità rispetto al passato”.

L’UDC, però, vota a favore.

Una chicca, mentre tutti parlano (falsamente?) di risparmi

AGSM Energia ha appena speso 100.000 euro riordinare gli uffici e intende spenderne altri 500.000 per rinnovare il salone per l’accoglienza clienti. Questo in un anno di crisi, che ha visto la società diminuire l’utile di quasi il 60%. Se poi un amministratore chiede documentazione sulle spese, non gli viene fornita nel nome della privacy.

Che amministratori sono se non possono documentarsi? In base a cosa decidono? Questa è la prova evidente dell’inutilità operativa dei CdA.

Il presidente Marco Gruberio ribadisce che “sono necessari un migliore accesso, la privacy e nuovi servizi igienici”.

da AGSM – AMIA. L’affare dell’estate 2012 (6-fine)

Pubblicità

1 Commento

Archiviato in AGSM – AMIA. L’affare dell’estate 2012

Una risposta a “AGSM – AMIA. L’affare dell’estate 2012: Timori e proposte delle minoranze

  1. Pingback: AGSM – AMIA. L’affare dell’estate 2012: Timori e proposte delle minoranze | Verona - Cerca News

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...