Cosa resterà di questi anni?

Lettera inviata al giornale “L’Arena” e non pubblicata

Alla Direzione de “L’Arena”

Cosa resterà di questi anni?

Più di 20 anni fa, ad Assisi, durante un viaggio di istruzione con i miei alunni, di fronte alla magnificenza delle opere d’arte che ci erano di fronte, mi è capitato di cantare una canzone del tempo: “Che cosa resterà di questi anni 80?”. Nacque una ricerca che ci accompagnò per mesi.

Oggi, in vista delle prossime elezioni amministrative, è bene che ci facciamo la stessa domanda: “Che cosa resterà di questi primi anni del nostro secolo?”.

Limitandoci all’amministrazione della nostra città e lasciando da parte, per un momento, tutto ciò che è dibattito, confronto e progetto, chiedo agli Amministratori, agli operatori dei mass media, alle realtà vive della città e a tutti i Veronesi: “Ce la sentiamo di guardare negli occhi la realtà? Cosa c’è di nuovo e di bello, che alimenta la speranza, nella Verona del nuovo millennio?”.

Credo importante rispondere insieme a questa domanda, per aiutare noi cittadini a scegliere bene quando saremo nella cabina elettorale, e per sollecitare sagge decisioni.

Per non perderci nelle parole, mi pare giusto partire da semplici elenchi. Di che cosa?

– delle opere (solo opere che si vedono, si toccano e cambiano in meglio la città e che vanno oltre la manutenzione ordinaria e gli ordinari interventi) realizzate dall’Amministrazione Tosi nell’ultima parte dell’anno 2007 e, poi, nell’anno 2008, 2009, 2010 e nei primi mesi dell’anno 2011, distinguendo, nei singoli anni

* le opere compiute già previste o avviate e/o finanziate dalle precedenti Amministrazioni;

* le opere che ha pensato, proposto e realizzato o iniziato a realizzare l’attuale Amministrazione.

Seconda tappa, per capire: può essere il confronto degli interventi realizzati dall’Amministrazione Tosi e dall’Amministrazione Zanotto, tenendo conto delle disponibilità economica e dei soldi che le due Amministrazioni sono state capaci di ottenere oltre a quelli avuti da Stato e Regione.

Lo stesso discorso si può fare riferito ai singoli Assessorati confrontabili. Per quanto mi riguarda, posso descrivere le opere realizzate e quelle avviate nei tre anni del mio impegno come assessore ai Servizi Sociali e per le altre deleghe affidatemi. Lavoro che potrebbero proporre tutti gli Assessori delle ultime due Amministrazioni.

Questo lavoro di informazione può essere un prezioso servizio ai nostri concittadini: ci metterà di fronte alla realtà e alle nostre responsabilità e potremo guardare avanti su basi concrete e operative.

La proposta è rivolta all’Amministrazione Tosi, alla precedente Amministrazione Zanotto, alle realtà vive della città e ai mass media locali, che possono essere il motore dell’opera informativa e del dibattito che la accompagnerà.

In questa fase è importante, per non perderci in parole e annunci, lasciar da parte le diverse visioni politiche e limitarci a elencare opere che si vedono e si toccano o che hanno cambiato la nostra vita.

In un secondo momento si dovrà entrare nel dibattito politico e amministrativo, utile se ci si basa sulla verifica della capacità realizzativa delle Amministrazioni che si sono succedute.

Grazie dell’attenzione

Tito Brunelli

Verona, 24 novembre 2011

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Comune Verona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...