“partire dagli ultimi”

da: La Verona del sindaco Flavio Tosi (18)

“A partire dagli ultimi”, per battere disuguaglianze e privilegi, sulla base della mia esperienza di ex assessore, significa anche:

dialogo intenso, quotidiano, tra Regione, Comune,  USSL e Azienda Ospedaliera, volontariato e Terzo Settore. Se, come spesso avviene, le due Aziende sanitarie cittadine e il Comune di Verona procedono su percorsi paralleli si rinuncia a essere vicini a migliaia di ultimi: gli ammalati, nel corpo e nella mente.

Luglio 2002. Pochi giorni dopo la mia nomina di Assessorato ai Servizi Sociali, abbiamo posto al centro gli ammalati di Alzheimer e le loro famiglie e, in seguito, i malati di Parkinson e di sclerosi multipla. Abbiamo chiesto il sostegno economico della Fondazione Cariverona.

Risultati insperati, dovuti soprattutto a un ‘capitale’vincente: la famiglia. In forza di quell’accordo, a spese quasi zero per il Comune, oggi i Veronesi hanno a disposizione un centro aperto 24 ore su 24 per la raccolta delle richieste e il pronto intervento nei confronti dei malati di Alzheimer e delle loro famiglie; centri di accoglienza invidiati: 30 posti letto e centri diurni presso il Centro Cristofori, in piazzale Scuro, un centro presso l’Istituto Assistenza anziani, uno presso Casa Serena, a San Michele, uno in via Marconi.

Quando parliamo di questi malati e degli altri della stessa gravità parliamo della loro famiglia; lo dobbiamo fare abbandonando ogni ideologia e cercando il bene delle persone. Gli ultimi, in una famiglia, possono essere gli anziani, il disabile, il bambino, il malato, la coppia, il disoccupato.

Tito Brunelli

Lascia un commento

Archiviato in La Verona del sindaco Flavio Tosi, Riflessioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...