Una parte della popolazione non era povera e oggi lo è

da: La Verona del sindaco Flavio Tosi (12)

Dove sta la responsabilità di tutti, dell’Amministrazione in particolare?

Una parte della popolazione non era povera e oggi lo è

Un paio di anni fa, il Vescovo di Verona e l’allora Presidente della Provincia Mosele hanno incontrato i Sindaci del veronese per affrontare i guasti umani ed economici della crisi economica. A Verona il sindaco Tosi, dopo il saluto iniziale, ha abbandonato l’incontro per partecipare a un dibattito televisivo. Non c’è stato seguito.

Per i nuovi poveri, il Comune può intervenire in vari modi:

– bollette di luce, gas, acqua. Da assessore, avevo raggiunto un accordo con AGSM: versava all’Assessorato una percentuale dei suoi introiti (circa 150.000 euro all’anno) a favore di chi non ce la fa a pagare le bollette. Oggi si deve stanziare di più, data la dura situazione. La questione bollette è basilare per la qualità della vita di chi ha meno. Chi prende l’iniziativa?

– contributi per l’affitto della casa di residenza. E’ grande problema di oggi. Chi ha la casa non la deve perdere.

– disabili e anziani non autosufficienti. Per le famiglie del ceto medio e povere, con un disabile in casa, vanno concretizzati sostegni che garantiscano la permanenza della persona nella propria abitazione e nel proprio ambiente di vita (Agenzia per il tempo libero, vita indipendente, trasporti).

– continuare il progetto, finanziato da privati, a favore delle famiglie con un ammalato di Alzheimer e di sclerosi multipla.

Deve essere chiara l’idea: andare incontro, come comunità, ai bisogni delle famiglie in difficoltà qualificando e aumentando i servizi rivolti a loro, ai loro anziani e disabili, a chi non ce la fa, non può essere fine a se stesso, ma passaggio verso l’autonomia, anche finanziaria, delle persone e delle famiglie aiutate.

Tito Brunelli

Lascia un commento

Archiviato in La Verona del sindaco Flavio Tosi, Riflessioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...