Presidi dal Sud? Lega Nord e parecchi altri non li vogliono

Conosciamo la Lega Nord (5)

Presidi dal Sud? Lega Nord e parecchi altri non li vogliono

Sulla scuola piovono umiliazioni su umiliazioni, anche perché non sa difendersi

Estate 2009. Un esercito di presidi provenienti dal Sud dirige scuole del Nord. Alla Lega non piace: difende l’identità territoriale.

Matteo Salvini (leghista): “I tempi sono maturi per vincere la battaglia: noi vogliamo per le scuole del Nord presidi del Nord; non gente che prende il posto e, appena può, scappa”. Uguale è la posizione del Consiglio provinciale di Vicenza: “No presidi del mezzogiorno”. Ascoltiamo Morena Martini, assessore alla scuola di Vicenza: “Vogliamo la gestione regionale delle assunzioni del personale scolastico”. La mozione è votata da maggioranza e opposizione: federalismo scolastico. “Sia la Regione a bandire i propri concorsi e a gestire i posti”. Si misurano il valore e la professionalità delle persone in base alla provenienza.

L’invasione dei presidi dal Sud non c’è stata. Dei 37 presidi previsti dal Ministero solo 10 scelgono il Veneto. Restano i posti scoperti: molti presidi dovranno lavorare su più istituti. Restano scoperti 64 istituti in Veneto. Danni per tutti.

L’ideologia venetista avanza. Nella Grande Guerra giovani meridionali e veneti si erano trovati a combattere fianco a fianco per costruire l’Italia. Oggi molti veneti scelgono la strada opposta: noi di qua, voi di là.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Conosciamo la Lega Nord, Riflessioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...