Conosciamo un po’ meglio gli africani che vivono tra noi (15)

Risultati ottenuti dai cittadini immigrati a Verona negli anni 2002-2005:

  • graduale avvicinamento alle Istituzioni (Comune, Prefettura, Questura, Ussl) con una presa di coscienza che partecipazione e  coinvolgimento nella vita della città di Verona sono presupposto e fondamento per una democrazia corresponsabile.
  • fiducia negli organi democratici istituzionali.
  • fiducia nelle persone preposte alla gestione delle situazioni difficili, come la sicurezza urbana e nei cantieri di lavoro (dove sono impiegati clandestini  che fanno gola a famiglie e imprese veronesi).
  • creazione di luoghi di discussione permanente in Comune.
  • nascità di associazioni con interessi culturali, sportivi e musicali, in collaborazione con associazioni veronesi del settore ( Calcio, Cricket con, Scianco, …)
  • nascità di Municipio dei Popoli per la Pace, con un lavoro sulla cooperazione coi paesi di provenienza e soprattutto col coinvolgimento dei medesimi cittadini in questo percorso di valorizzazione e di risoluzione di questioni che hanno determinato la loro fuga o spostamento in Europa e a Verona.

  • La Costituzione della Consulta Comunale dell’immigrazione, votata con  maggioranza schiacciante il 31 ottobre 2006, come strumento di dialogo su questioni quali la sicurezza, l’istruzione, la prostituzione, il lavoro « nero », l’illegalità, lo sfruttamento, l’accattonaggio, il lavoro malpagato, l’impiego della manodopera illegale ; ma anche strumento politico per trovare  soluzioni a problemi quali : i tempi del rilascio dei permessi di soggiorno, le questioni degli alloggi/casa, dei lavoratori senza alloggi idonei, dei minori in stato di abbandono o in gravi difficoltà assistenziali ed educative oppure non accompagnati, della salute, spesso ignorata come tanti altri problemi sia dai mezzi di informazione che dagli amministratori locali ; la questione della scuola e dell’abbandono scolastico, dell’alcol e delle droghe; del bullismo, del razzismo ed dell’intolleranza sotto diverse forme ; della violenza domestica e sulle donne. La Consulta doveva rappresentare uno strumento privileggiato, a fianco  delle Istituzioni, per rilevare, analizzare, studiare ed affrontare questioni complesse che la convivenza tra cittadini di diverse storie e provenienze comporta. Solo in questa ottica è stata concepita a Verona. La democrazia  passa necessariemente attraverso l’ascolto attento dei propri cittadini, anche se di altri paesi, di altre culture o religioni  o immigrati. La politica necessita dell’arte della saggezza dell’ascolto, che non significa non decisione.

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Comune Verona, Culture dell'Africa, Riflessioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...