Manovra economica: chi paga? (2)

Le novità della manovra economica

Pagano pensionati e pubblici dipendenti

– pensioni: dal 2011 i lavoratori dipendenti andranno in pensione dopo 12 mesi dalla data di maturazione dei requisiti; dopo 18 mesi gli autonomi: artigiani, commercianti, coltivatori diretti, parasubordinati;

– dall’1-1-2012 le donne che lavorano nel pubblico impiego avranno la pensione di vecchiaia a 65 anni, non a 61;

– dal 2015, ogni tre anni, per tutti i lavoratori scatta l’adeguamento dei requisiti di pensionamento a seconda dell’aumento delle speranze di vita, calcolato dall’Istat;

– la liquidazione sarà versata a rate;

– non saranno possibili rinnovi contrattuali, che non potranno essere recuperati in futuro;

– vengono limitate le assunzioni di personale a tempo indeterminato da parte delle pubbliche amministrazioni.

* Si bloccano gli stipendi dei dipendenti pubblici: dal 2011 al 2013 verranno congelati ai livelli del 2010. Con il taglio agli Enti locali, che pure ricade sui cittadini meno ricchi, questo è il risparmio più consistente da parte dello Stato.

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Manovra economica, Riflessioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...