Archivi del mese: giugno 2010

Non emerge l’essenziale da questa “riforma” della scuola elementare (7)

Costituzione della Repubblica Italiana, n° 2 :

“La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale”

Stranamente (ma proprio stranamente?) non emerge l’essenziale da questa “riforma” della scuola elementare:

– non si accenna neppure al programma, al tipo di uomo e di cittadino al quale si guarda;

– mancano gli obiettivi;

– manca l’idea di una scuola nuova.

O si ignora quale sia il problema o lo si sa benissimo, ma non si vuole che se ne parli. Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, La Scuola, Riflessioni

Le mele a 0,35 euro al chilo

Pensiamo ai deportati di Rosarno; ai morti di Casal di Principe; agli schiavi dei ‘caporali’ di ogni tipo e provenienza. Tutti sappiamo. Sostengono la nostra economia, in particolare l’agricoltura, l’edilizia, il lavoro del marmo, … Ci permettono di comprare le mele a 0,35 euro al chilo. Li paghiamo quasi nulla; li lasciamo senza casa, in ambienti inqualificabili, senza i minimi servizi. Li trattiamo come dei “non uomini”. E se lo dicono; se tentano di dire che sono persone umane, di protestare, li cacciamo, li prendiamo a bastonate e a fucilate; li aggrediamo con cariche della polizia. Li uccidiamo. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti

Quello che il sindaco Tosi dice e quello che fa (12)

“La libertà personale è inviolabile. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale né qualsiasi altra restrizione della libertà personale se non per atto motivato dell’autorità giudiziaria e nei soli casi e modi previsti dalla legge” (Costituzione della Repubblica Italiana, n° 13)

Delibere AGEC. Odore di discriminazione?

L’ASGI (associazione di studi giuridici sull’immigrazione) di Trieste e l’europarlamentare Donata Gottardi intervengono:

“In materia di accesso ad alloggi di edilizia residenziale pubblica di gestione comunale, le delibere AGEC introducono una disparità di trattamento a danno di cittadini di paesi membri dell’UE e dei cittadini appartenenti a paesi terzi regolarmente residenti. Pertanto sono in contrasto con il divieto di discriminazione dei cittadini residenti in base alla nazionalità, su base etnico razziale e sulla parità di trattamento tra lavoratori migranti e nazionali. Quindi Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Comune Verona, Flavio Tosi e gli immigrati: quello che dice - quello che fa, Riflessioni

Immigrati e italiani insieme per il futuro da costruire (96)

“Nessuno può essere punito se non in forza di una legge che sia entrata in vigore prima del fatto commesso” (Costituzione della Repubblica Italiana, n° 25)

Voci di magistrati

La divisione dei poteri e il rispetto delle funzioni vanno rispettati

Pietro Calogero (procuratore capo a Padova)

Le delibere dei Sindaci rischiano di intaccare un valore fondamentale dello Stato di diritto: la divisione dei poteri e il rispetto delle funzioni. Il Comune non ha il compito di accertare e acquisire informazioni per l’iscrizione anagrafica: l’accertamento della pericolosità di una persona appartiene a organi dello Stato: Ministero dell’Interno, Prefetto, Questore. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Immigrati, Riflessioni

Riforma della scuola: cresce l’irritazione (6)

Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, n° 2:

“A ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciate nella presente Dichiarazione, senza limitazione alcuna per ragioni di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione. Nessuna distinzione sarà inoltre stabilita sulla base dello statuto politico, giuridico o internazionale del paese o del territorio cui una persona appartiene, sia che tale territorio sia indipendente o sottoposto ad amministrazione fiduciaria o non autonomo o soggetto a qualsiasi altra limitazione di sovranità”.

Cresce l’irritazione di chi riflette su quanto succede

Non tutto è da buttare della “riforma”. Che una riforma sia necessaria siamo tutti d’accordo.

Cosa non va?

Irrita che il Ministro e il governo, con l’appoggio dei mass media, che riempiono le pagine solo di grembiuli e voti numerici, vogliano nascondere il dato più importante: obiettivo primo della “riforma” sono i tagli della spesa nella scuola. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, La Scuola, Riflessioni

Lasciate che i bambini vengano a me

Ho imparato la centralità del bambino da mia mamma, dalle mamme, dalle maestre che ho conosciuto. L’ho imparata in Azione Cattolica che ha voluto l’Azione Cattolica Ragazzi come luogo in cui protagonista è il bambino, con dignità e valore propri; che nessuno può permettersi di strumentalizzare; che è sempre fine, mai mezzo. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti

Quello che il sindaco Tosi dice e quello che fa (11)

“L’ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute” (Costituzione della Repubblica Italiana, n° 10)

Odore di discriminazione? Metrature che tagliano giuste attese

Dicembre 2007. Il Sunia (sindacato inquilini) sporge denuncia al Tribunale europeo e all’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali sui criteri di idoneità abitativa stabiliti da AGEC, che rendono difficile ottenere l’alloggio e il permesso di soggiorno da parte degli immigrati. Infatti le metrature previste per abitabilità della casa pesano anche sul rinnovo di molti permessi di soggiorno dei regolari e sui ricongiungimenti con mogli e figli. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Comune Verona, Flavio Tosi e gli immigrati: quello che dice - quello che fa, Riflessioni