Dove sono i nostri figli?

1) In Italia il 53% dei nuclei familiari non ha figli

Dei nuclei che hanno figli:

– il 21,9% ne ha uno;

– il 19,5% ne ha due;

– il 4,4% ne ha tre;

– lo 0,7% va oltre i tre.

2) Perché le coppie rinunciano ad avere figli?

– il 19,5% per motivi economici (mancanza di soldi e precarietà del lavoro);

– l’11,7% ci penserà più avanti, in tempi migliori;

– il 9% non concilia la cura del figlio con gli orari di lavoro;

– l’1,5% per occupazione precaria;

– lo 0,3% per carenza di servizi e perché la casa è piccola;

– il 57,8% per motivazioni personali (soggettivi, psicologici); per senso di incertezza e per i rischi nel futuro; per difficoltà di educazione dei figli (come educare?). Si tratta di debolezza psicologica e culturale, di paura di generare, di incertezza del futuro cha aumenta le responsabilità.

3) Invecchiamo

– siamo 30 anziani ogni 100 persone attive;

– l’età media sale a 43,3 anni, due in più rispetto al 2000. I decessi segnano un record dal 1946;

– la natalità torna a calare nel 2009 (6750 nati in meno rispetto al 2008).

4) I figli sono il futuro della società; non sono un bene privato.

Per questo le famiglie chiedono che si agisca su tre versanti:

– conciliare i tempi della famiglia e quelli del lavoro. I figli non scompaiono dopo la prima infanzia. E’ in difficoltà il 36,6% delle madri lavoratrici con figli da 0 a 5 anni, ma anche il 44,7% di quelle con figli tra 6 e 10 anni. Le imprese devono tener presente;

– un sistema di servizi che aiuti le famiglie rispetto ai compiti di cura per figli, anziani, disabili, …;

– una riforma fiscale graduale, che parta dall’aumento degli assegni familiari.

L’Italia non è una nazione per i bambini, per i figli?

Almeno dagli anni ’80 la politica non investe sulle nuove generazioni.

Si è sempre pensato che la famiglia tenesse. Oggi invece è in difficoltà.

Non è garantita la libertà di procreare quanti figli si desiderano: le donne immigrate hanno in media 2,2 figli; le italiane 1,33, ma, da indagini svolte, ne desidererebbero 2,13. Da qui si può ripartire.

La novità è che emergono nuovi concetti di famiglia, che non è famiglia.

Si può ripartire se si riporta la famiglia al centro della politica, con:

– un fisco a misura di famiglia: è questo il motore che rende possibile la distribuzione del reddito: una minore disponibilità economica delle famiglie significa minore investimento per i figli. Punto di partenza è dedurre il costo dei figli dall’imponibile.

– un cambio di prospettiva culturale: va bene dare soldi, ma non è sufficiente. Il popolo italiano deve rendersi conto della centralità della famiglia come ce la presenta la Costituzione, come comunità base dell’esperienza dell’amore e della vita, come ambiente relazionale e sostegno nelle difficoltà dei singoli membri. In questo quadro, il figlio non ha prezzo; non è un bene di consumo alternativo ad altri: a una vacanza, all’auto, alla casa. E’ ricchezza per tutti.

Dati del Forum delle famiglie e del CISF (centro internazionale studi famiglia).

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...