Le ex Cartiere (10)

Valutazioni, perplessità e critiche

Tutti d’accordo sul risanamento dell’area.

Anche Consiglieri di minoranza, come Edoardo Tisato e Patrizia Bravo, sostengono che quello alle ex Cartiere è “intervento urbanistico non rinviabile”.

C’è chi è d’accordo  e chi no nel preferire edifici alti all’occupazione del territorio con tante costruzioni più basse.

* Perplessità:

La visione della città deve essere complessiva, con un piano omogeneo e una programmazione armonica di riqualificazione di Verona Sud e dell’intera città. Stralciare l’area delle ex Cartiere dall’auspicato intervento complessivo può creare un precedente pericoloso, quello di interventi a stralci, su piccole aree, verso una rivisitazione della città a pezzi. Quanto previsto alle ex Cartiere può essere l’anticipazione di una selva di grattacieli a Verona Sud, con una forte alterazione dell’assetto urbanistico della città.

Va rispettata  l’armonia del contesto cittadino. E’ da verificare se un progetto faraonico comporti benefici per la città. Deve essere forte la regia dell’Amministrazione. Non può essere il privato che decide le strategie edificatorie, altrimenti si rischia di stravolgere i già precari equilibri urbanistici e sociali della città, tenendo conto che nella zona arriveranno ogni giorno migliaia di persone tra lavoratori e avventori. Si avanzano dubbi sulla destinazione dell’area ad alta densità commerciale, preferendo un uso pubblico.

Osservazioni dell’ex sindaco Paolo Zanotto: “E’ facile fare le cose quando concedi ai privati tutto quello che vogliono” e dell’ex assessore all’Urbanistica Roberto Uboldi: “Dopo l’ex Lux e le ex Cartiere, che vanno recuperati, il Comune non deve più consentire di destinare a case e uffici aree private alla deriva”.

Verona è patrimonio dell’umanità. Deve esserci compatibilità tra la storia della città e il suo sviluppo. Conta molto l’impatto visivo: il PAT limita lo sviluppo verticale dei nuovi edifici per tutelare la visibilità e la percezione unitaria del centro storico.

–  Preoccupa l’aspetto viabilistico, con rischio collasso e condanna degli abitanti della zona a vivere in quartieri caotici. Verona può sopportare un tale attrattore di traffico? Tanto più che il complesso non è collegato con la grande viabilità. Basso Acquar è l’unica strada per raggiungere il centro commerciale. Il traffico orario nei fine settimana sarà di circa 3.000 veicoli; 20.000 al giorno. Prioritario è il completamento della Regionale 434. Le rotonde infatti possono al massimo incidere sul traffico attuale, non su quello provocato dal centro commerciale, dal cinema multi sale e dalle altre attività dell’area. Lo afferma anche il programma del candidato sindaco Tosi: “Il prolungamento della 434 è urgentissimo per salvaguardare Borgo Roma e Palazzina e in vista dei lavori alle ex Cartiere”.

* Novembre 2009. Il Comitato di via Faccio propone lo stop al traffico verso il complesso delle ex Cartiere ogni volta che le emissioni di Pm 10 superano la soglia di sicurezza. Chiede anche un controllo su smog e traffico, installando una centralina all’incrocio tra via Faccio, via Basso Acquar e ponte San Francesco. Propone anche di ripristinare il blocco del traffico pesante lungo la via, in entrambi i sensi di marcia.

* E’ pericolosa la volontà dell’Amministrazione leghista di imprimere un marchio incancellabile sulla città.

1 Commento

Archiviato in Commenti, Comune Verona, ex Cartiere, Riflessioni

Una risposta a “Le ex Cartiere (10)

  1. soffiati alessandro

    Ricordo che negli anni ’60 e ’70 era forte la richiesta di alloggi. La nuova edificabilità in termini di quantità fu proporzionata alla necessità, anche se dal lato servizi vi furono ritardi: mezzi pubblici di trasporto, scuole, etc.
    Il tutto era legato ad una necessità della popolazione veronese.
    Di fronte al progetto dei grattacieli delle cartiere viene da chiedersi: è una esigenza dei veronesi? Chi occuperà questi nuovi spazi se a Verona abbiamo capannoni ed uffici sfitti ed in vendita in ogni parte della città e provincia? E queste nuove costruzioni sono a beneficio dei Veronesi o di chi?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...