I buoi sono scappati

Giustamente si parla  e si scrive molto circa i meriti del “popolo delle partite iva”, cioè degli imprenditori, specialmente piccoli e medi, che hanno fatto sì che il Nord Est, fino a pochi decenni fa povero, sia diventato una tra le aree più ricche del mondo. Nonostante la crisi. Notizia lieta.

E’ però utile ponderare le cause che hanno fatto aumentare il numero dei poveri, anche nel Nord Est. Cose note, da non dimenticare. Accanto all’aumento dei prezzi delle materie prime (gas, petrolio, grano, …) una è il cambio un euro = mille lire (non 1936,73), a favore di molti operatori economici e a danno della gente comune.

Esemplifico. Fino al 2001:

– un caffè al bar costava 700 lire; ora un euro;

– il biglietto del bus mille lire; ora un euro;

– una visita medica a pagamento all’ospedale 120.000 lire; ora (minimo) 120 euro;

– il controllo annuale della caldaia del riscaldamento 60.000 lire; ora (minimo) 60 euro;

– le patate 300 lire; ora un euro;

– le pesche 800 lire; ora 1,60 euro.

Ognuno può continuare.

La categoria del reddito fisso (operai, impiegati, pensionati) si è vista dimezzare la capacità di acquisto e fatica a vivere.

Di chi la colpa? Se i governanti che si sono succeduti dal 2001 in poi avessero attivato controlli, la situazione sarebbe diversa. Non si parla più della figura del controllore, ormai inutile: i buoi sono già scappati.

E’ grave però che, sapendo bene chi, in questi anni, ci ha guadagnato e chi ci ha rimesso, si continui a parlare di riforma delle pensioni riferendosi non a chi le ha altissime o alte, ma a tutti i pensionati, che già hanno avuto dimezzato il potere di acquisto, agli operai, agli impiegati e ai lavoratori dipendenti che già hanno dato abbondantemente. Chi ricorda poi che le tasse le pagano sempre quelli, non chi più ha avuto?

Raffaello Didonè

Lascia un commento

Archiviato in Commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...