Immigrati e italiani insieme per il futuro da costruire (85)

“Nessuno può essere privato per motivi politici della capacità giuridica, della cittadinanza, del nome” (Costituzione della Repubblica Italiana, n° 22)

Nessuno è straniero

* Beppe Magri (giornalista)

Chiamare qualcuno straniero per il cristiano è come negare una verità di fede. Nella mia chiesa nessuno è straniero, a prescindere dalle porte chiuse o aperte della città: il popolo di Dio trae la sua identità dalle differenze e dalle particolarità degli uomini e delle culture che lo compongono.

* Fausto Pezzato (giornalista)

Dove stiamo andando? Nel Veneto contiamo 80.000 immigrati circa (soprattutto badanti, domestiche e operai), una percentuale elevata di clandestini, un processo di integrazione fermo alle buone intenzioni, una criminalità da strada inquietante. Il futuro annuncia la chiusura delle frontiere, l’abolizione delle sanatorie, il rimpatrio di chi non è in regola, una stretta sui reati e l’inasprimento delle pene: dunque una crescente militarizzazione del territorio (forze dell’ordine, esercito se necessario, ronde, vigilantes) e l’inevitabile limatura delle libertà personali. Siamo a un bivio fra il Veneto degli uomini con l’anima che non smarriscono la fiducia nei loro simili e le “anime morte” che l’hanno perduta e per difendersi portano istintivamente la mano alla colt. All’origine della scelta “cattivista” c’è la convinzione che la delinquenza importata sia la componente più forte delle nostre paure. In realtà i Veneti sentono il disagio di vivere in un contesto che non è più quello in cui sono nati e cresciuti: si sono inceppati gli automatismi antropologici dell’identificazione. Persino le cose, assieme alle persone, non hanno più l’aspetto familiare di un tempo. In questo senso il fenomeno di una immigrazione incontrollata ha già prodotto i suoi irreversibili effetti.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Immigrati, Riflessioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...