Immigrati e italiani insieme per il futuro da costruire (58)

“Ogni individuo ha diritto alla vita, alla libertà e alla sicurezza della propria persona” (Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, n° 3)

Stato di emergenza

Luglio 2008. Un passaggio di 4 righe del ministro Maroni annuncia “l’estensione all’intero territorio nazionale della dichiarazione dello stato di emergenza per il persistente e eccezionale afflusso di cittadini extracomunitari, al fine di potenziare le attività di contrasto e di gestione del fenomeno”.

L’eccezionale afflusso di immigrati e richiedenti asilo, soprattutto da Somalia e Eritrea, ha reso necessario distribuire con procedure d’urgenza le persone giunte a Lampedusa e sulle coste meridionali in altre realtà nazionali. Sbarcano tanti uomini e donne e le strutture del Sud non bastano. Bisogna allestire e adeguare centri di assistenza, in fretta: “La proroga dello stato di emergenza serve a proseguire l’attività di contrasto agli arrivi dei clandestini e a garantire loro adeguata assistenza”. Il dibattito si infiamma:

*Carlo Giovanardi (PdL): “Condivido la preoccupazione. Sulle norme restrittive in tema di ricongiungimento delle famiglie migranti, è comprensibile e condivisibile che la permanenza della famiglia sia collegata a un posto di lavoro; è inaccettabile che il diritto a vivere con un figlio sia ancorato a criteri di reddito, privilegiando un concetto di “non povertà”. Si penalizzano famiglie di cittadini stranieri con più figli. Abbiamo chiesto di non recepire questa osservazione”.

*Caritas: “Non giova l’innalzamento dei toni e l’allarme sociale. Parlare di emergenza è esagerato”.

*Roberto Cota (Lega): “E’ segnale per far capire che l’immigrazione clandestina non è tollerata”.

*Ignazio La Russa: “Accelera le procedure per la costruzione di nuovi centri di espulsione”.

*Anna Finocchiaro: “Questi annunci gettano fumo negli occhi e alimentano il senso di paura dei cittadini”.

E’ dichiarazione di guerra nei confronti degli extracomunitari clandestini.

Pubblicità

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Immigrati, Riflessioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...