Immigrati e italiani insieme per il futuro da costruire (47)

“L’elezione di Obama aiuterà forse a togliere quella rabbia che c’è nel mondo nero, americano e africano, per essere stato sempre tenuto ai margini e schiacciato. E’ una vittoria con forti valenze simboliche che investe l’immaginario collettivo” (padre Alex Zanotelli)

Immigrati e criminalità

Reati compiuti da stranieri in Italia:

– 51 %  dei denunciati per furto ;

– 45 %                                rapina ;

– 19 %                                estorsioni ;

– 29 %                                truffe ;

– 39 %                                violenze sessuali ;

– 36 %                                omicidi ;

– 27 %                                lesioni dolose.

Nel 2008 i delitti denunciati sono diminuiti dell’11% rispetto al 2007: “Si inverte un trend preoccupante. Negli ultimi 4 anni, il 34% dei reati è stato commesso da stranieri” (Maroni).

Chi delinque, chiunque sia, va punito.

Dati da evidenziare:

– un’immigrazione troppo rapida, come accaduto in Italia, porta conflittualità, anche politica;

– un immigrato regolare non delinque più di un italiano. Secondo un rapporto del Ministero degli Interni dell’ottobre 2008, delinque il 2% degli stranieri regolari; il dato sale al 6% se riferito a clandestini: molti atti delinquenziali sono opera loro;

– negli ultimi 50 anni omicidi, rapine, furti, contrabbando e borseggi non sono mai stati numerosi come oggi in Italia; gli stranieri sono coinvolti in un quarto delle denunce;

– criminalità non è sinonimo di immigrati; però il numero di reati commessi da stranieri è aumentato del 10% (654 in più nel 2008 rispetto al 2007), passando da 6.616 a 7.270.

– in 5 anni (dal 2001 al 2005) l’aumento delle denunce contro stranieri è stato del 45,9% e l’incidenza della criminalità straniera è passata dal 17,4% al 23,7% del totale;

– secondo il XIII Rapporto sulle migrazioni dell’ISMU, nel 2005 un denunciato su 4 non era italiano (oltre 130.000 su mezzo milione), con apice in Lombardia dove si arriva a un terzo e quasi la metà dei condannati era immigrato. Dal 2000, a livello nazionale, l’aumento delle denunce di stranieri è del 15%.

La criminalità degli immigrati costa 7 miliardi di euro all’anno: salari delle forze dell’ordine, danni subiti, spese per ciascun detenuto. Più di un terzo (2,7 miliardi) è legato a violenze sessuali.

– la comunità più discussa: i romeni condannati e detenuti in Italia nel 2008 sono 2.790, di cui 805 condannati in via definitiva. Solo 2 sono rientrati in Romania dal 2003; 35 aspettano il giudizio della Camera penale di Bucarest. Il ministro Maroni (9-1-09): “Non c’è un’emergenza criminalità legata alla comunità romena. Ci sono cittadini romeni che hanno compiuto reati. La collaborazione tra i due paesi è eccellente e molto utile”.

* La cultura della legalità non cresce con interventi repressivi: ha bisogno di politiche sociali.

Occorre la stessa energia per reprimere e per prevenire la criminalità.

Prevenzione e integrazione devono andare avanti di pari passo.

* In Veneto diminuiscono i reati, ma cresce la sensazione di insicurezza, di allarme e di paura: una situazione di piccola ma diffusa illegalità esaspera gli animi. Va combattuta con interventi quotidiani, a tutela della legalità e dei soggetti deboli.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Immigrati, Riflessioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...