A Verona, non a Lumumbasi

Se non avessi informazioni di prima mano non ci crederei.

Il 35% delle vetture in dotazione presso la Questura di Verona è fermo ai box.

15 marzo 2009: dei 41 mezzi complessivi, tra auto e moto, solo 15 sono utilizzabili. Gli altri? Fermi da mesi per riparazioni che non si fanno per mancanza di soldi.

Volanti: sono le auto che vanno meglio, solo perché acquistate con un contratto che ne prevede anche la manutenzione: una ventina funzionano; altre sono ferme. Situazione comunque grave: “Le volanti che girano sono sempre le stesse: cambia il personale, non le auto”.

Polstrada: solo 3 auto funzionano, sulle 15 in dotazione. Dodici sono ferme perché mancano i fondi per ripararle. Quelle funzionanti hanno più di 200.000 chilometri. Le moto assegnate sono 8; di queste solo 2 funzionano. “Ciondolo dalla vergogna!”.

Le mitiche “pantere” rischiano l’estinzione. I cittadini chiamano; la pantera non arriva: l’equipaggio deve attendere il rientro della pattuglia che smonta.

Manca perfino la carta igienica nei bagni; la carta per scrivere in Questura è razionata.

Si consegnano le divise senza tener conto della taglia di chi le indossa.

“Cinturoni, guanti e scarponi sono acquistati di tasca propria dagli agenti”.

La sicurezza resta nei garage.

Gli agenti di polizia che operano sul territorio diminuiscono, anche nella nostra città: oggi sono meno di 20 anni fa. La pianta organica della Questura scaligera era di 400 uomini nel 1989, in una situazione in cui gli immigrati erano pochi, la questione viabilità non era drammatica, il calcio Chievo era una piccola realtà, come piccoli erano Fiera e Vinitaly. Oggi, in una situazione molto più impegnativa, i poliziotti sono sotto organico di almeno 30 persone. Il dato è costante negli ultimi anni: pensionamenti numerosi e assunzioni minori. Gli ultimi aumenti di organico risalgono al 2001. Conseguenza: i turni diventano sempre più pesanti e si ricorre agli straordinari. Ma da mesi nessuno li paga.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Questione sicurezza, Riflessioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...