Riflessioni: la tassa sugli immigrati (2)

Tutto finito e chiaro? Macché. Intervengono:

– il sindaco di Verona Flavio Tosi: “La tassa va bene. E’ una questione di giustizia. Ogni cittadino paga le pratiche burocratiche, per esempio per ottenere la carta d’identità. Chi chiede il permesso di soggiorno ha un lavoro: ha diritti e doveri”;

– Federico Bricolo (veronese, capogruppo della Lega al Senato): “Insisteremo per l’approvazione del nostro emendamento, volto a sostenere i costi rilevanti dell’immigrazione”;

– Roberto Cota (capogruppo della Lega alla Camera): “La tassa sul permesso di soggiorno (tra l’altro di 200 euro, non di 50) è già stata votata dalla Camera, inserita nel disegno di  legge sulla sicurezza”. E chi ha votato non lo sa o non si ricorda.

Lo scontro è così duro che diventa necessario un incontro tra Berlusconi e Bossi: questi non ha ottenuto di frenare l’ingresso di Air France in Alitalia. Ottiene però la liberalizzazione dei voli a Malpensa e l’accoglimento di norme sull’immigrazione, anche se non volute dal PdL.

Il 14 gennaio, Roberto Maroni assicura l’approvazione della tassa, subito smentito da Berlusconi. In serata “chiarimento” tra Berlusconi e Maroni: il contributo (non tassa) per il rilascio e il rinnovo del permesso di soggiorno sarà come quello già previsto nella maggior parte dei paesi europei e varierà tra 10 e 400 euro. La cifra sarà “fissata da un decreto congiunto dei ministeri dell’Interno e dell’Economia”. Di fatto la tassa è confermata; l’ammontare sarà definito con un decreto.

Berlusconi frena di nuovo: dice di non essere al corrente di novità. “Ne ho parlato con Bossi. Resto contrario all’emendamento. Anche lui non fa obiezioni”.

– Anna Finocchiaro (P.D.): “Balletto sgradevole”

– Andrea Orlando (P.D.): “Chiaro segno di una crescente difficoltà del partito di Bossi nei confronti dell’azione di governo. La Lega è stretta tra l’azione di governo inceppata e le promesse elettorali che fatica a concretizzare”.

Il presidente Berlusconi, però, viene smentito da esponenti della sua maggioranza:

– Maurizio Gasparri: “I 50 euro restano. Non mi sembra uno scandalo”.

– Angelino Alfano: “Ostacoli superati: l’emendamento rimane. Dobbiamo definire la cifra”.

Qualcuno, molto vicino a noi, comincia a fare i conti: se passa il ‘contributo’ (non tassa. Giammai!) per il rinnovo dei permessi di soggiorno, per il veneto sarà un tesoro di 14 milioni.

(continua)

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Tassa immigrati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...