Rifiuti campani in Veneto? SI–NO: Tira-Molla

La questione infiamma gli animi e dimostra, se ce n’era bisogno, l’aria che tira.

Il 28 giugno, da Roma, Umberto Bossi e Roberto Calderoli danno il via libera a che i rifiuti campani siano diretti anche verso Nord. Il ministro per i rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto, convocherà un incontro Stato-Regioni per lo smaltimento della ‘munnezza’ napoletana. Condizioni per procedere: disponibilità di tutte le Regioni; periodo determinato; tipologia e qualità dei rifiuti. Meglio limitare l’invio all’estero. Questa apertura resta però nei palazzi romani.

Il Carroccio veneto non ci sta: sbarra le discariche affermando che la capacità di smaltimento è già satura e che tecnicamente non c’è disponibilità: “Ci metteremo di traverso per non far passare i rifiuti. Se li smaltiscano a casa loro. Siamo saturi, a mala pena autosufficienti. Da noi, mai!”.

Il ministro Luca Zaia precisa:”Non c’è nessun via libera della Lega. Prima conosciamo la posizione ufficiale di tutti i 21 Governatori”.

Daniele Stival (consigliere regionale Lega): “Dovremmo riempire le nostre discariche per sostenere chi non ne vuole di proprie?”.

Fuori dal coro è Flavio Tosi:”Questo Governo è garanzia: un sostegno del Veneto è accettabile”.

Il governatore Galan è perplesso e chiede alcuni giorni. Dice: “L’impegno del Governo e del commissario Bertolaso va nella giusta direzione. E’ indispensabile però che quei problemi vengano risolti in casa propria”. E l’assessore Conta:”Abbiamo una ventina di discariche e cinque termovalorizzatori. Non siamo in situazione di emergenza, ma non possiamo raccogliere i rifiuti di altre Regioni. Riusciamo a soddisfare le necessità interne. Non abbiamo la capacità di andare oltre”.

Purtroppo è vero: il Veneto è a malapena autosufficiente per lo smaltimento. Manca una programmazione. La Regione scarica la gestione dello smaltimento rifiuti sui Comuni, che hanno agito bene nella raccolta differenziata e investono in discariche e termovalorizzatori. Manca un piano di smaltimento pubblico dei rifiuti industriali; manca un piano energetico: in questa direzione tutto è lasciato all’iniziativa delle imprese. Conseguenza scandalosa: i rifiuti industriali finiscono in Germania o in discariche abusive. Occorrono una pianificazione a lungo termine e investimenti idonei”.

Il dibattito si inasprisce. E’ chiaro che, se si accetterà non sarà come segno do solidarietà, ma solo per obbedienza al capo.

Ai primi di luglio Galan annuncia la disponibilità ad accogliere un massimo di 7.500 tonnellate di rifiuti campani, concordata con Lombardia, Puglia e Piemonte: piccole quantità per brevi periodi. A fronte di un piano serio di raccolta e smaltimento rifiuti nel napoletano e dell’emergenza sanitaria.

Ma la Lega resta contraria. Il segretario regionale Gobbo annuncia battaglia, chiede una verifica di maggioranza e nega l’autorizzazione a smaltire. Prima vadano via Bassolino e Iervolino.

Daniele Stival, consigliere regionale della Lega:”Galan fa gli interessi nazionali prima di preoccuparsi di quelli del Veneto, che non ha né voglia né tempo di gestire i rifiuti della Campania”

Galan si appella al Senatur: la Lega Veneta smentisce Bossi. Verona (meglio: il sindaco Tosi) continua a parlare fuori dal coro: Verona no, ma il Veneto può dare una mano.

Il Partito Democratico ha buon gioco a fare emergere le contraddizioni in atto: quando capo del governo era Prodi gli impianti veneti non potevano ricevere l’immondizia: è buona quella di Berlusconi, cattiva quella di Prodi?

La Lega coglie l’occasione per mettere in difficoltà Galan. L’onorevole leghista Paola Goisis: “Questa terra non intende fare la pattumiera a chi non sa gestire se stesso”.”Il problema non è lo smaltimento; è politico e di impatto sociale.

Tutti contro Galan: Lega, opposizione, amministratori locali. E Galan risponde infuriato: nessun sacchetto di rifiuti napoletani arriverà nel Veneto fino a quando il governo non dirà da che parte sta la Lega“.

Risponde Luca Zaia:”Mai sentito che Bossi abbia dato il via libera ai rifiuti al Nord. Bossi e Calderoli hanno detto sì alla richiesta di verificare se ci fosse la disponibilità delle Regioni. Noi veneti diciamo no”. Minaccia barricate; accusa Galan di aver tradito i veneti.

E’ scontro politico Galan-Carroccio.

Galan chiama in causa direttamente Berlusconi, che risponde da Tokio il 7 luglio:”La Lega Nord ha dato il suo benestare allo smaltimento dei rifiuti”.

Galan chiede:”Da che parte sta la Lega Veneta? E’ partito d’opposizione rispetto al Governo? Ci devono dire chi è la Lega nel Veneto. Fino a quel momento il nostro sì non arriverà”.

Gobbo:”Il nostro sì verrà solo se il conferimento da noi fosse del tutto indolore”.

Andrea Riello, presidente regionale industriali avanza una proposta: “Il Veneto faccia la sua parte, ma il sacrificio abbia compensazioni, cioè soldi in più per le nostre infrastrutture”.

Franco Manzato, vice presidente leghista della Regione: “Bene: discutiamo il prezzo, ma noi in questo momento immondizia indifferenziata dalla Campania non ne vogliamo proprio”.

E’ la solita Lega: tiene insieme il governo a Roma e la lotta in Padania, con grave carenza di senso dello Stato: è contemporaneamente maggioranza e opposizione. Il cittadino, favorevole o contrario, è rappresentato dallo stesso schieramento.

Il vice governatore leghista Franco Manzato motiva il no alla monnezza campana: “Primo: l’abbiamo promesso agli elettori. Secondo: metterebbe a rischio il sistema veneto dei rifiuti. Terzo: smaltirli in Baviera costa meno che smaltirli in Veneto: tra i 150 e i 160 euro a tonnellata”.

Conclude Galan:”Nessun genere di rifiuti stranieri giungerà in Veneto fino a quando qualcuno, da Roma o da Milano, non ci dirà se la Lega Veneta è partito di opposizione o alleato del governo”.

Conclusione: niente immondizia campana in Veneto. I treni carichi vanno in Germania.

“Tutta una sceneggiata”, conclude il governatore Galan. Così va la politica …

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...