Il trasporto pubblico a Verona (2)

MA ORA CHE OPERA ATV, CHE NE E’ DI AMT E DI APTV?

Viene naturale rispondere: “Non ci sono più. Ora è ATV che gestisce il trasporto pubblico a Verona”. Un ragionamento così logico in politica (povera politica!) non sta in piedi. AMT e APTV sono enti inutili, ma ci tengono a sopravvivere: accanimento terapeutico. Resta in piedi il paradossale triangolo di aziende tutte dedicate allo stesso trasporto pubblico, con tre CdA. Doveva essere una fusione e invece oggi abbiamo tre aziende del trasporto pubblico a Verona. Motivo ufficiale: diverso era il peso economico della due aziende. APTV era più ricca perché proprietaria di molti immobili in città e in provincia (sedi amministrative e depositi).

* A.M.T. oggi gestisce immobili. Ha una trentina di dipendenti e un CdA che costa 128.000 euro. E’ l’unica azienda comunale guidata da un esponente di A.N.: Massimo Mariotti (stipendio: 48.600 euro). Quattro sono i consiglieri: Giuseppe Canestrari (D.C. autonomie), Bruno Frustoli (F.I.), Carla Sarzi (Lega), Lorenzo Dalai (P.D.), con stipendio di 20.000 euro ciascuno. Come giustificano la loro presenza e il loro costo? Il tentativo è quello di trasformare AMT in società di progettazione di nuovi sistemi di mobilità. Intanto il presidente Mariotti si gloria perché, a differenza di quanto accaduto negli altri enti, gli stipendi AMT non sono aumentati !?! L’azienda ha chiuso i conti 2007 in attivo di 130.000 euro (entrate da stalli blu). Sono stati assunti un direttore part-time, una segretaria, due persone per la gestione delle pratiche d’ufficio e nuovi accertatori della sosta.

* A.P.T.V. oggi è triste guscio vuoto che gestisce i muri degli edifici e incamera l’affitto dei locali di sua proprietà. Il presidente Massimo Bettarello (Lega Nord – stipendio: 60.000 euro) sa che, per sopravvivere, deve dare una nuova finalità all’azienda, che potrebbe occuparsi di controllo energetico a nome della Provincia. Come primo passo dota i depositi dell’azienda di pannelli solari per la produzione di energia a basso costo. Dichiara: “APTV sarà agenzia dell’energia per la Provincia: ente di controllo e di produzione di energia alternativa, grazie a pannelli solari”. Accanimento terapeutico. L’assessore provinciale ai trasporti Alberto Martelletto dice che “il cambio dell’oggetto sociale di APTV non è all’ordine del giorno”. Il dato è che si continua a rinviare la decisione: resta in vita un ente che ha la sola funzione di costare alla collettività.

°° Costo complessivo dei tre CdA: 596.000 (quando ATV non c’era, il costo di AMT e APTV era di 364.000). I Consiglieri sono passati da 14 a 21.

Annunci

2 commenti

Archiviato in Commenti, Comune Verona

2 risposte a “Il trasporto pubblico a Verona (2)

  1. paola

    euro 20.000 al mese o all’anno per giuseppe canestrari?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...