Moschea. Continua la caccia al diverso

Lettera dei lettori NON pubblicata su l’Arena

Per “Lettere al Direttore”. L’Arena

Alessandro Montagnoli, sindaco di Oppeano e neo deputato al Parlamento, ha deciso di utilizzare a uso pubblico l’area in cui sorgeva la moschea. Molti veronesi sono d’accordo. Motivazioni: “Non è questione politica. E’ problema degli islamici, legato alla loro difficoltà di integrazione: devono accettare le nostre regole e il nostro modo di vivere. Poi potranno chiedere di pregare secondo la propria fede. Non si può reclamare in Italia un diritto che viene negato negli Stati islamici. Potremo chiedere il parere della popolazione con un referendum”.

Leggiamo nella “Dichiarazione sulla libertà religiosa” del Concilio Ecumenico Vaticano II^:

– “La persona umana ha il diritto alla libertà religiosa; esso si fonda sulla dignità della persona umana. L’esercizio di tale diritto, qualora sia rispettato l’ordine pubblico informato a giustizia, non può essere impedito. La natura sociale dell’essere umano esige che egli esprima esternamente gli atti interni di religione e professi la propria religione in modo comunitario. Si fa quindi ingiuria alla persona umana e allo stesso ordine stabilito da Dio se si nega agli esseri umani il libero esercizio della religione nella società. Quindi la potestà civile, il cui fine proprio è tutelare e promuovere gli inviolabili diritti dell’uomo e attuare il bene comune temporale, deve rispettare e favorire la vita religiosa dei cittadini; essa evade dal campo della sua competenza se presume di dirigere o di impedire gli atti religiosi. Alle comunità religiose compete il diritto di costruire edifici religiosi, di acquistare e di godere di beni adeguati. Non mancano regimi nei quali i poteri pubblici si sforzano di rendere assai difficile e pericolosa la vita alle comunità religiose. Il Sacro Sinodo denuncia con amarezza questi fatti deplorevoli, esorta i cattolici e invita tutti gli esseri umani a considerare con la più grande attenzione quanto la libertà religiosa sia necessaria. Affinché nella famiglia umana si consolidino relazioni di concordia e di pace, si richiede che ovunque la libertà religiosa sia munita di una efficace tutela giuridica”.

– Leggiamo gli stessi principi nella “Dichiarazione dei diritti dell’uomo”, n° 18: “Ogni individuo ha diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione o di credo e ha la libertà di manifestare, isolatamente o in comune, sia in pubblico che in privato, la propria religione o il proprio credo nell’insegnamento, nelle pratiche, nel culto e nell’osservanza dei riti”.

– La nostra Costituzione, all’ art. 8, afferma che “tutte le professioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge. Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l’ordinamento giuridico italiano” e, all’art. 19, che “tutti hanno il diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto”.

E’ dovere di tutti noi, come singole persone e come società organizzata, porci domande decisive:
* la libertà religiosa è o no un diritto fondamentale di ogni persona umana?

* di conseguenza, c’è o no il diritto di avere luoghi che rendano effettiva la possibilità di pregare e di praticare la propria fede religiosa?

* Quella della libertà religiosa è o no questione politica per eccellenza, dato che riguarda il riconoscimento della dignità della persona umana e di gruppi sociali?

* E’ un problema ‘loro’ (= degli islamici o di qualsiasi altro gruppo religioso) o è problema che interpella tutti, visto che ne va dell’idea che abbiamo della società da costruire insieme?

* Il diritto (in questo caso alla libertà religiosa) è sotto condizione, dipende cioè dai comportamenti e dall’integrazione sociale delle persone interessate o deriva dal fatto stesso di essere persona?

L’ umanità ha impiegato millenni per definire i diritti fondamentali e intoccabili dell’uomo, essere unico e irripetibile; ci ha anche portato a capire che questo riconoscimento dei diritti e dei doveri di ciascuno e di tutti è fondamentale per arrivare alla pace sociale e alla libera integrazione. Su questi diritti fondamentali di ciascuno e di tutti possiamo convocare referendum? Dipendono essi dalle maggioranze o sono insiti nella dignità dell’uomo? E la politica ha o no il compito di far emergere il meglio della riflessione umana?

Oggi tutti parliamo di ‘valori’, ma rischiamo di tornare indietro nella coscienza di ciò che vale sopra tutto. C’è da riflettere e da decidere come popolo, a partire dalle grandi istituzioni civili e religiose.

L’alternativa è la guerra dell’uomo contro l’uomo, rischio che oggi si sta facendo strada anche nella nostra Verona: ci rimetteremmo tutti.

Tito Brunelli

Annunci

1 Commento

Archiviato in Commenti, Comune Verona, sociale

Una risposta a “Moschea. Continua la caccia al diverso

  1. Barzon renzo

    Non credo che ci sia la caccia al diverso.
    Questo atteggiamento di vedere sempre il razzismo, atteggiamento che impedisce di affrontare e di parlare con serenità i problemi che la diversità comporta.

    Pensate che 4.000.000 quattromilioni (probabilmente 5 milioni) di persone venute in Italia in pochi anni, con mentalità costumi diversi, non creino perplessità nella gente. Inoltre si sente dire che le Moschee sono centri di odio e proselitismo per terroristi. Lo ha detto anche il ministro Amato.

    È bene ricordarsi dei principi, ma cerchiamo di vedere di non essere dei masochisti.

    Sarei felice che il cosiddetto razzismo di casa nostra fosse così in tutto il mondo sarebbe, una cosa idilliaca.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...