Archivi del mese: aprile 2008

Urbanistica. Emergono le linee direttrici dell’Amministrazione (5)

e) Gennaio 2008. L’ AREA DI SAN GIACOMO

Area di San Giacomo, in borgo Roma. Provincia e Comune raggiungono l’intesa: l’area resta tutta al quartiere. Sarà parco. Bel colpo per i residenti che si sono battuti in modo encomiabile. Godiamo insieme.

La superficie complessiva è di 90.000 metri quadrati. Il costo totale è di 33,5 milioni di euro.

La prima metà dell’area è stata acquistata dall’Amministrazione precedente per 7,5 milioni di euro.

La seconda metà viene acquistata dall’Amministrazione Tosi per 26 milioni di euro, che saranno pagati in tre anni: 15 nel luglio 2008 (già a bilancio); 5 nel 2009; 6 nel 2010. In contanti.

Prezzo più che triplicato. Un affare? Come si giustifica ?

Emerge in questi giorni che i soldi da consegnare alla Provincia non sono a disposizione o, comunque, vanno racimolati. Forse occorre una doppia regolata!

Tito Brunelli

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Comune Verona, Urbanistica

Ultimi incontri a una settimana dalle elezioni

Segnaliamo i seguenti incontri della settimana che conclude la campagna elettorale.

————————————————–

Martedì 8 aprile 2008 alle ore 20.45 in Sala “Lucchi”, Palazzetto “Masprone”, piazzale Olimpia, 3 (dietro la tribuna ovest dello stadio):

INCONTRO con ROSY BINDI sul tema:

“Dal Partito Democratico la proposta di una nuova politica per parlare al nord del paese”

Leggi il volantino

————————————————–

Mercoledì 9 aprile 2008 alle ore 21 presso la sede del Partito Democratico di Borgo Venezia in via Briolotto n. 1/A (angolo con via Betteloni 45):

INCONTRO con MARIA PIA GARAVAGLIA sul tema:

“Il contributo dei cattolici nella politica: quali opportunità nel Partito Democratico?” che sarà introdotto dal prof.Emilio Butturini.

Leggi il volantino

————————————————–

Venerdì 11 aprile 2008 alle ore 17.30 in Piazza Brà si terrà il COMIZIO DI CHIUSURA DELLA CAMPAGNA ELETTORALE in collegamento con tutte le piazze d’Italia:

WALTER VELTRONI

Commenti disabilitati su Ultimi incontri a una settimana dalle elezioni

Archiviato in Notizie

Urbanistica. Emergono le linee direttrici dell’Amministrazione (4)

d) Gennaio 2008. LA FU COMMISSIONE EDILIZIA

La ex Commissione Edilizia del Comune si chiamerà “Commissione per la qualità urbana e per il paesaggio”. Con il nome cambiano l’importanza, la composizione e le attribuzioni.

Il depotenziamento è evidente. Essa si pronuncerà solo su procedimenti in deroga (= che vanno contro le norme) e su aree sottoposte a tutela paesaggistico – ambientale. Esprimerà pareri consultivi e non vincolanti su progetti di recupero edilizio, di arredo urbano e di nuove costruzioni presentati al Comune. I membri da 12 diventano 6 e, fatto nuovo e grave, non saranno più eletti dal Consiglio comunale, ma nominati dal Sindaco. Solo uno rappresenterà la minoranza. Conseguenza: chi controlla e chi viene controllato coincidono: Tosi (e Forza Italia) controllano Tosi (e Forza Italia). L’assessore Giacino sostiene che le nomine affidate al sindaco Tosi sono la garanzia che la Commissione da politica diventa tecnica. Valutate, gente!!! Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Comune Verona, Urbanistica

Urbanistica. Emergono le linee direttrici dell’Amministrazione (3)

appartamenti1.jpg

c) Gennaio 2008. APPARTAMENTI PER LE FORZE DELL’ ORDINE (o come calpestare il Piano di Assetto Territoriale).

Il Consiglio comunale, anche in questo caso con una tempestività non usuale, vota l’accordo tra Comune e imprese edili Valdadige – Sarmar, per la realizzazione di 85.000 metri cubi da costruire tra San Michele, Poiano, Ca’ di David e Santa Croce. Si tratta di 200 appartamenti, 32 dei quali andranno gratis a Ater e Agec. Al Comune andranno 5 milioni di euro. Di abitazioni a Verona c’è bisogno. Non è mia intenzione valutare la storia passata di questa lottizzazione né entrare nella questione della sua bontà o meno. Sottolineo un solo aspetto: parte degli appartamenti sorgerà su aree previste a verde. Infatti il terreno prescelto per l’edificazione a San Michele, nel Piano di Assetto Territoriale (P.A.T.), approvato dal Consiglio comunale nel dicembre 2007, era destinato interamente a parco pubblico e a polo scolastico (da tempo e con grandi aspettative previsto nella zona, per una ormai necessaria delocalizzazione degli istituti scolastici superiori, in modo che meno studenti entrino ogni mattina in città). Tra l’altro, per la fretta, non è neppure stato chiesto il parere previsto alle Circoscrizioni. L’assessore Giacino fa presente che rimarranno 38.000 metri quadrati come parco. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Comune Verona, Urbanistica