A partire dagli “ultimi”

E’ uno dei principi base della Dottrina sociale della Chiesa, a cui molti tra noi si riferiscono. Per “Progetto Verona” è sempre stato elemento fondante delle scelte politiche e amministrative: affrontando e risolvendo i problemi di chi è ai margini e di chi ha più bisogno si creano pace sociale e perciò benessere per tutti.
Nasce subito la domanda: chi sono gli “ultimi”?

derelitti_teresa_calcutta.jpg

Apparentemente la risposta è facile. Sono:

  • i bambini, anche quelli non ancora nati, ma che già sappiamo parte della nostra umanità;
  • molti adolescenti e giovani, specie se “non accompagnati” (= soli);
  • gli anziani, in particolare quelli non autosufficienti e soli;
  • i malati, soprattutto quelli gravi e bisognosi di aiuto continuo;
  • i malati di mente;
  • i disabili;
  • chi è senza lavoro;
  • i senza casa;
  • i carcerati e chi esce dal carcere;
  • …..
  • In sintesi: chi non ce la fa da solo e ha bisogno degli altri.

In questi nostri anni la questione si complica: con l’arrivo massiccio di immigrati, la società italiana è andata in crisi.
Nascono le domande. Ne proponiamo alcune:

 

  • Se un immigrato o più immigrati rientrano nelle categorie sopra elencate hanno gli stessi diritti (e doveri) degli italiani e alle stesse condizioni, o no? Un solo esempio, tra i molti possibili: se due famiglie nelle stesse condizioni di bisogno, una di italiani e l’altra di immigrati, chiedono una casa ‘pubblica’, vanno trattate allo stesso modo o c’è un diritto di precedenza per quella italiana? E se la famiglia di immigrati è palesemente in una condizione peggiore di quella di italiani, anche con la presenza di bambini piccoli, permane la precedenza della famiglia di italiani?
  • Ulteriore complicazione: gli immigrati irregolari, i clandestini, magari in condizioni di disagio grave, hanno i loro diritti (ad esempio un posto letto) in quanto persone umane, membri della nostra grande famiglia umana o vanno esclusi da ogni aiuto pubblico?

L’attuale Amministrazione, con il Sindaco in primo piano, sostiene che se si offrono i servizi base (sanità, posto letto, …) ad esempio a clandestini che non hanno casa o con problemi di salute, arriveranno a Verona sempre più disagiati. Meglio perciò eliminare o ridurre gli aiuti, in modo che queste persone (o bestie) e gli ‘sbandati’ vadano altrove.

Ne vanno di mezzo i fondamenti della nostra civiltà.
Apriamo un dibattito, non solo a livello di principi, ma di scelte politiche e amministrative, riferite sia agli “ultimi” tradizionali sia agli immigrati “sbandati”.

Dite la vostra.

1 Commento

Archiviato in Comune Verona

Una risposta a “A partire dagli “ultimi”

  1. GIACOMO

    LE DOMANDE CHE PONETE SONO REALMENTE IMPORTANTI, E FORSE MI SORGE UN’ALTRO DUBBIO.
    sIAMO ANCORA CAPACI DI SOSTENERE CHI NON C’è LA FA IN UNA SOCIETà COSì FRENETICA?
    gRAZIE

    gIACOMO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...